Aree di lavoro

Mi occupo prevalentemente di:

  • disturbi d'ansia e dell'umore (depressione e stati correlati);
  • disturbi psicosomatici;
  • difficoltà nei rapporti interpersonali.

Preferisco non usare troppo le etichette cliniche: meglio mettere al centro del lavoro la persona, più che il problema che porta.

Per esempio, essere ansiosi o depressi sono stati di malessere che viviamo rispetto a determinati eventi della nostra vita e della nostra storia, non sono la nostra identità.

Mi occupo anche di:

  • psicologia del benessere;
  • psicologia scolastica;
  • psicologia dell'orientamento.

Lavoro con bambini, adolescenti e adulti. Anche gli adulti crescono: cambiano, imparano dale esperienze, affrontano gli imprevisti; scoprono di avere dei lati vulnerabili di cui prendersi cura, ma anche risorse inaspettate.

 Ogni percorso psicologico serve a:

  • prevenire e trattare il malessere;
  • aumentare la conoscenza di se stessi;
  • promuovere le risorse della persona nel proprio ambiente;
  • facilitare la comunicazione con gli altri;
  • migliorare la gestione dello stress e la qualità  vita.

Italo Calvino scrive “la conoscenza del prossimo ha questo di speciale: passa necessariamente attraverso la conoscenza di se stesso”: imparare a capire noi stessi ci aiuta a capire gli altri e conoscere gli altri ci aiuta a conoscere noi stessi.

E’ il bello degli incontri, e l’incontro tra psicologo e paziente non fa eccezione.

viaggio mente

viaggio con un libro

appunti viaggio

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti il nostro utilizzo dei cookie.